Opinioni su kybun e video delle interviste

Leggete qui tutte le opinioni dei clienti sui nostri prodotti. Inoltre, avete la possibilità di scegliere tra diverse categorie.

(Reset)

Opinioni su kybun

Sigrid Eibensteiner della Svizzera

Indosso le scarpe kybun già da molto tempo - sicuramente da sette o addirittura da 8 anni. Ho l’artrosi alle ginocchia e avevo sempre problemi a camminare e a stare in piedi. Perciò stavo cercando di fare qualcosa di buono per i miei piedi. All’inizio ho provato il kyBounder. Nei più svariati lavori dove occorre stare in piedi per molto tempo p. es. in cucina. Ha fatto molto bene alle mie ginocchia. Già dopo poco tempo ho acquistato il mio primo paio di kyBoot. A oggi ho già alcuni modelli diversi. Non esistono scarpe migliori per le mie ginocchia rovinate.

Sigrid Eibensteiner della Svizzera

Annina Dietsche di Rüthi San Gallo, Svizzera

Non importa se in ufficio o a casa: grazie alla suola elastica e molleggiata, la kyBoot è la scarpa perfetta per camminare o stare in piedi su suoli duri a lungo. Con queste scarpe non avverto mai pesantezza alle gambe e ho una postura migliore. Quindi prevengo consapevolmente ogni tipo di dolore alle articolazioni. “Non importa se a casa o in ufficio: grazie alla suola elastica e molleggiata, la kyBoot è la scarpa perfetta per camminare o stare in piedi su suoli duri a lungo. Con queste scarpe non avverto mai pesantezza alle gambe e ho una postura migliore. Quindi prevengo consapevolmente ogni tipo di dolore alle articolazioni”.

Annina Dietsche di Rüthi San Gallo, Svizzera

Maria Klein dalla Germania

Indosso le kyBoot da un paio di settimane e ne sono davvero entusiasta: sono diventate le scarpe da indossare a casa e all’aperto. Dopo sette anni dalla mia amputazione, ho finalmente scoperto una scarpa in grado di restituirmi quasi totalmente la qualità di vita che avevo prima. Sono leggere, una volta indossate quasi non si sentono ed è come camminare a piedi nudi. La schiena è più rilassata e non mi fa più male, la presa è davvero sicura grazie alla suola antiscivolo. Sì, il prezzo non è proprio invitante, ma si tratta di una calzatura che fa bene a chi la indossa. Per questo si può spendere qualcosa in più senza problemi.

Maria Klein dalla Germania

Caroline Winter dalla Svizzera

Posso integrare il kyBounder nella vita di tutti i giorni. Ad esempio quando devo stirare, cosa che mi tocca comunque fare, purtroppo non posso evitarla. Quindi mi metto sul kyBounder e prendo due piccioni con una fava, così come si dice. Posso stirare e fare allenamento allo stesso tempo.

Caroline Winter dalla Svizzera

Susanne Bogedaly dalla Germania

Ciao, mi chiamo Susanne Bogedaly e soffro da circa un anno e mezzo di fascite plantare cronica a entrambi i piedi e di spina calcaneare sul lato sinistro. Ho provato disperatamente di tutto. Sono ricorsa a ogni tipo di terapia esistente. I medici dicevano ormai che il mio era un caso senza speranze. Avevo provato con i plantari, quelli sensomotori, con gli antidolorifici e con la terapia a onde d’urto. Tuttavia, il dolore era così forte che nulla poteva alleviarlo. Nella mia disperazione ho pensato di provare ancora un ultimo rimedio. Su Internet mi ero imbattuta nelle kyBoot e così le ho provate. Ho fatto alcune ricerche e deciso poi di acquistare questo modello. Sono semplicemente entusiasta; erano davvero l’ultima speranza e hanno soddisfatto appieno le mie aspettative, proprio come descritto nella pubblicità: è come se si camminasse sulle nuvole. Sono semplicemente fantastiche per me, perché sono un’insegnante e devo camminare molto durante il giorno. Dovendo stare per diverse ore in piedi, ormai le uso sia al lavoro, sia a casa come ciabatte. Ho già ordinato un nuovo paio di scarpe: il modello Arosa. Sono degli stivali neri con i lacci e arrivano a questa altezza della gamba. Sono davvero chic. A tutti i disperati là fuori, che per così dire condividono il mio stesso destino, non posso che consigliare loro di provarle. Vale davvero la pena acquistarle. Sono entusiasta: finalmente sono ritornata a camminare e quasi senza dolori. Continuo su questa strada e e ne sono felice. Un saluto a tutti e non mollate mai!

Susanne Bogedaly dalla Germania

Margaret dall'Inghilterra

Non trovo le parole sufficienti per raccomandare le scarpe kyBoot. Ho 76 anni, ero una camminatrice abituata a percorrere grandi distanze e per molti anni mi sono dedicata alla danza country. All’epoca ho provato molte scarpe e le mie kyBoot sono davvero le migliori. Sono così comode che le porto continuamente per camminare, per il giardinaggio, la danza zumba e i lavori domestici.  Sono comode come le pantofole più morbide, ma sufficientemente robuste per una camminata di una quindicina di chilometri attraverso la campagna. Ho un’amica fisioterapista che come me è impressionata me dalla capacità delle scarpe di ammortizzare gli impatti. E il modo in cui si adattano al piede le rende ideali per compensare l’invecchiamento dei giunti.

Margaret dall'Inghilterra

Karen Maidra, residente a Canada

Queste scarpe sono uniche! Il mio lavoro mi obbliga a stare in piedi tutto il giorno. Due anni fa cadendo mi sono fratturata l'arco metatarsale. All'inizio il dolore era insostenibile, ma grazie alle ortesi sono potuta tornare a lavoro e da allora non ho più potuto farne a meno. Adesso il dolore è tornato e l'ortesi mi sta dando fastidio… il mio fisioterapista crede che i muscoli del piede si siano indeboliti (probabilmente proprio a causa dell'ortesi) e infatti, quando provo a fare esercizi con il piede, il sollievo è molto evidente. Nel frattempo ho avuto bisogno di scarpe dalla suola morbida in grado di farmi stare in equilibrio sul piede. Le kyBoots non sono solo le scarpe più morbide che io abbia mai indossato, ma mi aiutano anche a rinforzare il piede! Non potrei chiedere di meglio. Svolgo il mio attuale lavoro da 32 anni e, anche se potrei richiedere il prepensionamento qualche anno prima, non credo che sarei capace di fare una cosa del genere. Avevo seriamente iniziato a cercare un nuovo lavoro, pronta a rinunciare al rango, raggiunto con tanti anni di servizio, e ai benefit di cui sto attualmente godendo (compreso il pensionamento anticipato!). Ma ora non ce n'è più bisogno. Sono così contenta di aver trovato queste scarpe... sono favolose! Non ho mai indossato niente di simile! E devo proprio ammetterlo... dopo aver indossato queste scarpe nelle ultime due settimane a lavoro... i piedi sono stati molto meglio durante i cinque giorni lavorativi che nei due di riposo, quando non le ho indossate!
Non vedo l'ora di potermi permettere l'acquisto di un altro paio, così da poterle usare anche a casa. Non posso più vivere senza!

Karen Maidra, residente a Canada

Ingrid S. di Lörrach, Germania

Venerdì: 5 ore a piedi ad Amburgo, temperatura di circa 0°. Piedi caldi dopo un breve tragitto.
Sabato: 10 ore a piedi ad Amburgo, temperatura di circa 0°: sembra incredibile aver durato così tanto!
Giovedì: passeggiata in spiaggia sull’isola di Amrum. La sabbia era talmente impregnata di pioggia, che era impossibile aggirare le pozzanghere. Dovevo comunque proseguire. Ho tolto scarpe e calze, circa 7°, dopo alcuni metri ho iniziato a percepire un intorpidimento alla suola del piede. Non avendo con me alcun asciugamano, ho dovuto asciugare il piede tamponandolo parzialmente con le mani, prima di rimettere calze e scarpe. Mi aspettavano poi all’incirca altri 30 minuti di corsa nel villaggio. Mi ripromisi di concedermi un pediluvio una volta rientrata nella casa-vacanze. Ma una volta arrivata nel villaggio, con stupore notai che i piedi erano di nuovo piacevolmente caldi! FANTASTICO.
Sul lavoro porto solo le kyBoot e le consiglio a tutti i miei pazienti. In vita mia non ho avuto scarpe migliori! Mia madre le indossa a casa ed è entusiasta di quanto i suoi piedi siano sempre piacevolmente caldi al loro interno.

Ingrid S. di Lörrach, Germania

Tamara Zäch, Svizzera

Mi immagino con il kyBounder in cucina mentre taglio le cipolle, ma credo che un tappeto simile si potrebbe utilizzare anche in bagno. In modo da sfruttarlo il più possibile. 

Tamara Zäch, Svizzera

Romy Ziltener, di Weesen sul lago di Walenstadt, Svizzera

Mi accorgo che mi muovo diversamente. Tutto è più morbido, insomma migliore. Sono casalinga, e non vado a correre. Ma lavare i pavimenti è la mia terapia. È quello il mio modo di tenermi in forma. Per lavare a terra mi piego spesso sulle ginocchia e trovo che le kyBoot portino un grande beneficio. Le scarpe aiutano parecchio. Sono quasi come delle scarpe da ginnastica un po’ più grandi. 

Romy Ziltener, di Weesen sul lago di Walenstadt, Svizzera

Ruth Wälti, San Gallo, Svizzera

"Calzo da alcune settimane le kyBoot e mi sento come al settimo cielo.  Se potessi le porterei anche a casa e addirittura di notte per quanto le trovo comode." 

Ruth Wälti, San Gallo, Svizzera

Romy Ziltener, di Weesen sul lago di Walenstadt, Svizzera

Il vantaggio più grande è la sicurezza. Quando il pavimento è bagnato - devo lavarlo ogni giorno perché ho tre gatti che portano un sacco di sporco in casa - camminare con delle scarpe normali è estremamente pericoloso. Con le kyBoot invece non si scivola. Vanno benissimo. Mi sento completamente al sicuro.

Romy Ziltener, di Weesen sul lago di Walenstadt, Svizzera

Rafaela Hayden, aveva un'anomalia podalica, Svizzera

Porto le kyBoot nella vita quotidiana. Quando sono a casa oppure al lavoro allora indosso spesso i plantari. Però non appena esco di casa mi infilo le mie kyBoot. Al momento le kyBoot sono le scarpe più comode che ho.

Rafaela Hayden, aveva un'anomalia podalica, Svizzera