Opinioni su kybun e video delle interviste

Leggete qui tutte le opinioni dei clienti sui nostri prodotti. Inoltre, avete la possibilità di scegliere tra diverse categorie.

(Reset)

Opinioni su kybun

Cliente da Zurigo, Svizzera

Soffrivo di dolori alle anche e ai reni. Poi ho riflettuto sul da farsi per contrastare il problema. Per questo non sono andato dal medico, perché mi avrebbe prescritto solo dei farmaci. Allora mi è venuto in mente che possedevo già delle scarpe simili. Le ho provate e nel corso di soli tre giorni non ho più accusato alcun dolore. È la pura verità.

Cliente da Zurigo, Svizzera

Dr. Holdener, dalla Svizzera

Voleva essere, in realtà, un tentativo. Non potevamo contare su alcun principio scientifico che ne garantisse l’effettivo successo. Con stupore abbiamo poi dovuto constatarlo anche per i cosiddetti disturbi del movimento di natura neurologica, come la SM o il Parkinson. Ovviamente abbiamo anche pazienti con paralisi insorte, ad esempio, dopo un trauma cranico. Li abbiamo fatti camminare sul tappeto morbido ed elastico kyBounder. Abbiamo notato che la situazione è migliorata dal punto di vista clinico. Per i pazienti affetti da Parkinson, ad esempio, questo ha comportato una riduzione improvvisa, se non addirittura, una completa eliminazione dei medicinali assunti. Non hanno manifestato più alcun tremore. Anche nei pazienti affetti da SM, abbiamo constatato un miglioramento, anche se sono stati per lo più i pazienti affetti da Parkinson a trarne effettivamente i massimi benefici. Tuttavia, anche i paralitici hanno constatato miglioramenti a livello di movimento. Come sia stato possibile arrivare a tanti miglioramenti, resta tutt’ora per noi un enigma, non riusciamo a spiegarcelo. Possiamo affermare dunque soltanto una cosa: la stimolazione della prioprocezione e degli arti inferiori comporta anche una stimolazione del tessuto cerebrale perché torna ad attivare determinate interazioni finora interrotte. Questo è tipico nei pazienti con Parkinson. Siamo ancora molto lontani dal poter affermare che questi risultati possano sortire lo stesso effetto su altri malati di Parkinson. Certo, che si tratti di una conseguenza è un dato di fatto tanto sorprendente, quanto rassicurante. Sarà d’aiuto a questi pazienti.

Dr. Holdener, dalla Svizzera

Toni Geser dalla Svizzera

Ho iniziato eseguendo degli esercizi al mattino. In parte esercizi muscolari, di stretching o di movimento. Poi ho pensato di tornare a fare jogging, come spesso facevo un tempo. Purtroppo non riuscivo a inserirlo nella mia routine perché richiedeva troppo tempo. Finché non ho conosciuto kybun. E non ho usato il kyBounder, sul quale potevo stare in piedi dolcemente, e le kyBoot per camminare. Con loro era finalmente possibile inserire l’allenamento ogni giorno, soprattutto nella mia giornata lavorativa. Oggi non devo più assumere alcun antidolorifico. Non ricomincerei nemmeno, non ne ho alcun motivo. Sento che la mia schiena sta bene, non provo alcun dolore. Riesco a sopportare gli sforzi, ogni anno percorro dai 40.000 ai 45.000 km in auto e so per certo che questo non fa bene. Anche sul lavoro gli sforzi sono notevoli, tuttavia non ho proprio più alcun problema.

Toni Geser dalla Svizzera

Patrick Odermatt, responsabile officina meccanica dell'MP Garage di Au, Svizzera

Una buona scarpa da lavoro può costare 150-180 franchi. Penso valga la pena mettere vicino altri 100 franchi e acquistare una scarpa che ti fa venire meno dolori e che quindi non ti fa prendere antidolorifici. Se si pensa al futuro è un buon investimento.

Patrick Odermatt, responsabile officina meccanica dell'MP Garage di Au, Svizzera

Adi Porat, Produttore Evento 'SimchaMaker', Rishpon, Israele

Sono un’event manager e per lavoro cammino molte ore al giorno, dalla mattina al pomeriggio. Alle 17 cambio i  miei abiti da lavoro con degli abiti da sera per essere elegante. Non avevo ancora trovato delle scarpe comode con cui poter camminare fino alle 6 di sera. Quando iniziava l’evento mi facevano già male le ginocchia, la schiena … assumevo antidolorifici, usavo pomate ecc. Ero già a pezzi prima che cominciasse l'evento. Finché non ho trovato il nonplusultra: le scarpe di kybun. Dal primo momento che le ho provate mi sono sentita diversamente, davvero, non scherzo! Era una diversa percezione del corpo. Avevo meno dolori, e dopo aver usato le scarpe per tre o quattro volte i dolori sono svaniti. Non avevo più alcun dolore. Ho cominciato a lavorare rilassata, senza  antidolorifici o pomate. Le consiglio a tutti, indipendentemente dal tipo di dolori, possono aiutare chiunque.

Adi Porat, Produttore Evento 'SimchaMaker', Rishpon, Israele

Barbara Pledl, collaboratrice presso la macelleria Luchsinger, Svizzera

Ho problemi alle articolazioni e anche alla schiena. In un modo o nell’altro il mio corpo è sempre dolorante. Al sabato devo prendere un antidolorifico per andare avanti per il resto della giornata. Con le kyBoot non è più così. Sto molto meglio.

Barbara Pledl, collaboratrice presso la macelleria Luchsinger, Svizzera