kybun: la scarpa perfetta per i portatori di protesi

La loro suola elastica e molleggiante ammortizza l’impatto su qualsiasi superficie, consentendo il morbido rullaggio della protesi del piede. Questo, oltre a far risparmiare molte energie, alleggerisce il carico sul moncone nella protesi. Allo stesso modo vengono sgravate anche le anche e la schiena, cosa che sul lungo termine contribuisce ad aumentare la qualità della vita.

Se siete stati amputati e siete portatori di protesi, se desiderate una consulenza veloce e completa di un esperto, utilizzate il nostro modulo di contatto.

Dove prendiamo le nostre informazioni e come facciamo a essere così sicuri?

Lo sappiamo per esperienza personale!
Desideriamo presentarvi il Sig. Jürgen Zeller. Il Sig. Zeller è stato amputato di entrambe le gambe fino alla coscia. La prima volta che ha provato le scarpe kybun si è subito reso conto che questa sensazione doveva essere condivisa con altre persone amputate. Da quel momento si è dedicato totalmente ai portatori di protesi, per evitare che soffrano indossando calzature non adatte e per dimostrare che perfino per le persone con un piede o entrambi i piedi amputati, è importante migliorare la camminata usando una scarpa perfetta, che fa la differenza in termini di qualità della vita.

Nel 2015 il Sig. Zeller ha frequentato la formazione medica di base di kybun AG e, dalla metà del 2015, è diventato lui stesso libero consulente medico ed esperto a disposizione di amputati e portatori di protesi nella Germania meridionale.

Per ulteriori informazioni, esperienze e opinioni sull’argomento protesi e amputazioni, visitate la home page di Jürgen Zeller Prothesen-Tuning

Le scarpe kyBoot sono adatte ad essere indossate anche con protesi alle gambe?

Sì, certamente!


Provate ora le scarpe kybun gratuitamente e senza impegno.

Vi preghiamo di compilare il modulo, saremo lieti di contattarvi per fornirvi ulteriori informazioni o per una prova delle scarpe kybun.


Opinioni/Cosa dicono i clienti

Susanne Michel dalla Germania

Susanne Michel dalla Germania

La mia esperienza con le kyBoot è oltremodo positiva. Dopo la mia amputazione, ho incontrato quasi subito Jürgen Zeller presso il mio tecnico ortopedico, ricevendo da lui le mie prime kyBoot. Poiché accusavo dolore anche alla gamba destra a causa dell’infortunio, il mio entusiasmo per le kyBoot è stato massimo fin dall’inizio. Ho provato tutti i modelli di scarpe sportive, anche costose, ma nessuno di questi si avvicina benché minimamente alle kyBoot! Le kyBoot ammortizzano l’impatto del tallone sul terreno, donano sicurezza e mi permettono di camminare a lungo, senza avvertire dolori alla gamba o bruciore alla pianta del piede. Con le kyBoot ho dimenticato la paura di cadere quando il pavimento è scivoloso o umido. Con tutte le altre scarpe, dopo breve tempo, accusavo dolori localizzati e bruciore alla pianta del piede. Inoltre, anche provando altre scarpe, non ho mai percepito una tale sensazione di sicurezza nella camminata. Ritengo che le kyBoot siano estremamente stabili, mi supportano in ogni situazione e sono sicure. All’inizio magari non si è abituati al fatto che risulta necessaria una leggera compensazione. Tuttavia ho notato in fretta che queste scarpe mi sono d’aiuto durante la camminata. Credo che le kyBoot siano le scarpe ideali, in particolare per coloro che hanno iniziato da poco a camminare con una protesi. Le kyBoot infatti supportano la camminata in modo straordinario.

Maria Klein dalla Germania

Maria Klein dalla Germania

Indosso le kyBoot da un paio di settimane e ne sono davvero entusiasta: sono diventate le scarpe da indossare a casa e all’aperto. Dopo sette anni dalla mia amputazione, ho finalmente scoperto una scarpa in grado di restituirmi quasi totalmente la qualità di vita che avevo prima. Sono leggere, una volta indossate quasi non si sentono ed è come camminare a piedi nudi. La schiena è più rilassata e non mi fa più male, la presa è davvero sicura grazie alla suola antiscivolo. Sì, il prezzo non è proprio invitante, ma si tratta di una calzatura che fa bene a chi la indossa. Per questo si può spendere qualcosa in più senza problemi.

Roland Diewald da Germania

Roland Diewald da Germania

Le scarpe sono fondamentali per me, essendo uno degli elementi portanti delle protesi. Come ho detto, durante il mio percorso con le protesi non ero mai riuscito a trovare le scarpe giuste. Ora posso dirlo: le kyBoot sono le scarpe che cercavo. Ho scoperto le kyBoot, aspettando il bus a una fermata diversa. Dietro si trovava proprio il negozio kyBoot: l’esposizione era molto interessante, soprattutto per il video che trasmettevano sullo schermo. Il giorno dopo mi sono recato al negozio per chiedere se quelle scarpe fossero adatte anche ai portatori di protesi. Il sig. Meier mi ha offerto una consulenza molto competente e piacevole. Mi ha detto di non avere avuto mai esperienze con portatori di protesi, proponendomi dunque, se lo desideravo, di provarle per un giorno. Ho accolto la proposta immediatamente e, da quel giorno, sono entusiasta di queste scarpe.

Roland Diewald da Germania

Roland Diewald da Germania

Adesso, quando cammino, non provo dolore. Prima percepivo sempre come una pressione nelle protesi, cosa che rendeva la camminata sempre dolorosa. I disturbi ora non ci sono più, anzi, adesso provo una sensazione benefica nelle protesi.

Jürgen Zeller di Friburgo in Brisgovia, Germania

Jürgen Zeller di Friburgo in Brisgovia, Germania

25 anni fa sono stato sottoposto a una doppia amputazione alle gambe. Due anni fa mi sono state applicate delle protesi dotate della tecnologia più all’avanguardia. La mia speranza, tuttavia, di poter tornare finalmente a spostarmi un po’ meglio, grazie a questo intervento, non è stata esaudita. Ero deluso. Nonostante la tecnologia moderna, che mi è costata 90.000 euro, non sono mai riuscito a camminare su terreni acciottolati.  Più avanti tuttavia, su Internet, ho scoperto le kyBoot. All’inizio la suola morbida delle kyBoot non mi dava sicurezza. Sono bastati tuttavia pochi passi per trasmettermi una sensazione di movimento completamente nuova. Avevo la sensazione di percepire ogni millimetro della superficie. Era incredibile: il piede della protesi riprendeva improvvisamente a svolgere il suo lavoro, mentre le kyBoot perfezionavano l’intero movimento di rullatura. Alzarsi da una sedia o dall’auto e stare in piedi era diventato molto più semplice. Con le kyBoot non scivolo né su superfici bagnate, né sulla neve.  Ad oggi vanto già quattro paia di kyBoot e il terreno in acciottolato non è più un problema! Nel frattempo Jürgen Zeller in veste di libero consulente per kybun AG è in Germania meridionale ed è a disposizione di altre persone interessate in qualità di esperto. Per ulteriori informazioni visitate la sua home page al sito www.prothesen-tuning.de.

Roland Diewald da Germania

Roland Diewald da Germania

Conoscere le kyBoot è stata una vera e propria casualità. Una volta provate, ho notato che stavo bene, quando camminavo. Adesso non riesco più a separarmene. Sono in grado di poggiare il tallone a terra correttamente, rollando il piede dalla punta. Grazie a queste scarpe, la tenuta sulla superficie è migliore e mi permette di equilibrare i movimenti a livello del tronco. Camminare con queste calzature è semplicemente fantastico, ma più di ogni altra cosa, il più grande vantaggio è che non inciampo più. Un problema costante, prima, con le vecchie scarpe.  Se la superficie non era piana, infatti, restavo impigliato con il piede, inciampando.