kyBoot – Le compagne di viaggio più affidabili

Che sia il vostro prossimo viaggio in Asia, il trekking in Sud America, una settimana di escursioni sui cammini di pellegrinaggio francesi o lo shooting dell'aurora boreale in Norvegia: le kyBoot sono compagne di viaggio perfette.

Aderenza eccezionale sui suoli più disparati
Come confermano i nostri escursionisti più appassionati e i fan del trekking, con le kyBoot c'è sempre un appoggio sicuro. "Nella primavera del 2010 ho camminato per otto settimane con un paio di Caviar attraverso il Guatemala e Cuba," ci racconta Christoph Reichert. "Le ultime sei settimane con pioggia, neve, fango, moltissime pietre e campi di detriti in Patagonia e nella Terra del Fuoco. Le migliori scarpe da trekking che abbia avuto finora. Nessun difetto cutaneo, anche dopo 6-8 ore senza interruzione con lo zaino pieno. Veramente fantastico. Persino con l'umidità", afferma con entusiasmo.


Opinioni dei clienti

Rosalba Jäggi dalla Svizzera

Rosalba Jäggi dalla Svizzera

Devo rimettere su tanta massa muscolare. Ci vorrà tempo e dovrò aver pazienza. Grazie a queste scarpe credo che riuscirò a farlo perché vedo che riesco a muovermi. E questo mi permette di riacquistare fiducia nel mio corpo. Avverto nuovamente quell’impulso dal mio organismo che il movimento mi fa bene. Ce la voglio fare e mi prenderò tutto il tempo necessario affinché le cose migliorino.

Rita Brüllhardt, contralto del coro Gossau Gospel Choir, Svizzera

Rita Brüllhardt, contralto del coro Gossau Gospel Choir, Svizzera

Questa è vera comodità. La mia esperienza è positiva e buona.

Elisabeth Bolleter da Cham, Svizzera

Elisabeth Bolleter da Cham, Svizzera

Soffro di alluce valgo ad entrambi i piedi, cosa che, oltre a provocarmi forti dolori, mi costringe, da anni, a ricorrere a plantari nelle scarpe. Quando i dolori si sono ripresentati, ho deciso di provare queste scarpe con cuscino d’aria che avevo avuto modo di conoscere grazie alla pubblicità. Ed ecco qua: da quando porto le kyBoot, sono tornata a fare escursioni brevi, senza provare alcun dolore, e quelle più lunghe con solo qualche accenno di disturbo. Cerco inoltre di indossarle, nella vita di tutti i giorni, quanto più spesso possibile, poiché anche i piedi si affaticano di meno. Nei momenti in cui non le indosso, per le occasioni più importanti, posso nuovamente permettermi di portare scarpe “normali”, che per una donna è molto importante. Utilizzo le kyBoot ormai da diversi anni.