Artrosi delle anche/Artrosi dell'articolazione delle anche

Nella società occidentale odierna, l'artrosi è una malattia molto diffusa. Da una parte, più l'individuo aumenta di peso, più cresce la pressione sulle articolazioni, dall'altra parte la cartilagine, per via dell'aspettativa di vita in costante aumento, viene caricata più a lungo rispetto a 50 anni fa. Inoltre, per la maggiore parte del tempo l'uomo civilizzato si muove su suoli pianeggianti e duri di tutti i giorni e la gran parte dei produttori di scarpe segue la filosofia secondo cui una scarpa supporta e guida un piede e che quindi deve avere un tacco basso. Tuttavia, le nostre anche non sono costruite per questo tipo di sollecitazioni, e vengono quindi caricate erroneamente e in modo massiccio e si consumano molto più velocemente (artrosi delle anche).

Definizione

L'artrosi dell'articolazione delle anche è una malattia degenerativa della stessa articolazione, in particolare in età avanzata, alla base di un'usura della superficie della cartilagine di acetabolo e testa del femore. Negli individui, è la forma più comune di artrosi

L'artrosi è una malattia degenerativa delle articolazioni che si origina principalmente dalle proporzioni errate tra carico e capacità portante di porzioni e tessuti singoli delle articolazioni.

La malattia è caratterizzata da dolore dovuto al carico, direttamente all'articolazione dell'anca. Questo si proietta sull'inguine. Tuttavia, spesso il dolore si origina anche nella zona lombare e dell'articolazione ileo-sacrale.

Cause

Le cause dell'artrosi delle anche possono essere diverse malattie (pregresse) oppure lesioni (pregresse) nell'area dell'articolazione dell'anca, tuttavia per circa un quarto di tutti i casi non è possibile rintracciare la causa esatta.

L'artrosi può essere causata da sovrappeso e danni da sovrasollecitazione, come accade nel caso di attività sportiva eccessiva oppure di svolgimento di lavori pesanti per il corpo. Tra le cause si annoverano anche le modifiche al metabolismo della cartilagine in età avanzata, disturbi metabolici, malformazioni congenite e deformazioni articolari acquisite, per esempio come conseguenza di malattie articolari infiammatorie oppure dopo una lesione.

Un'ulteriore causa può essere il pluriennale carico sbilanciato dell'articolazione dell'anca durante la camminata . (cfr. fig. 1&2) Tanto maggiore è il colpo durante la camminata e impreciso il movimento, quanto più rapida sarà l'erosione della cartilagine. La causa principale di un carico sbilanciato dell'articolazione dell'anca è la percentuale, non prevista dalla natura, della sedentarietà quotidiana nei paesi occidentali industrializzati. Stare seduti per ore comporta infatti il continuo accorciamento dei flessori delle anche. Ne risulta che la persona non è più in grado di camminare in modo fisiologicamente corretto, ovvero con busto eretto. A sua volta, questo causa il sovraccarico della muscolatura di cervicale e schiena nonché il posizionamento errato di ginocchio e anche e quindi un'aumentata usura della cartilagine.

Camminare in modo non fisiologico

Fig1: piedi bloccati dalle comuni scarpe. Causa ancheggiamento e busto piegato-->grande carico sul ginocchio

Camminare avendo cura delle articolazioni

Fig2: Andatura con le kyBoot: L'impulso viene dai piedi.--> Andatura eretta e minore carico del ginocchio

Conseguenze a lungo termine - Imprigionati in un circolo vizioso

I dolori causati dall'artrosi possono portare all'assunzione di posizioni antalgiche e quindi a sovraccaricare altre articolazioni e strutture del corpo nonché all'insorgenza di deuteropatie oppure artrosi secondarie. Il dolore, inoltre, comporta una riduzione del movimento e, naturalmente, si ingrassa, con conseguenti ritorsioni negative sui disturbi dell'artrosi. In molte persone affette da artrosi si instaura così un circolo vizioso. Lo scopo principale della terapia è uscirne.

Terapia convenzionale

Tra i metodi di trattamento conservativi dell'artrosi dell'articolazione dell'anca si annoverano innanzitutto la riduzione del peso corporeo in caso di sovrappeso ed esercizi motori disposti e insegnati da una/un fisioterapista e che devono rinforzare i muscoli circostanti l'articolazione. Tra gli altri trattamenti, ci sono massaggi, applicazioni a caldo/a freddo, trattamento farmacologico, supporti ortopedici, nonché l'intervento chirurgico nel caso in cui il trattamento conservativo non abbia dato risultati. L'obiettivo della terapia convenzionale è quello di conservare il funzionamento dell'articolazione e di ridurre il dolore.

Principio di efficacia di kybun – Agire in modo proattivo

Adattandosi perfettamente al corpo, il kyBounder e le kyBoot portano movimento nella quotidianità e fanno uscire dal circolo vizioso creato dall'artrosi, senza ulteriore dispendio di tempo. I dolori acuti vengono alleviati rapidamente e, grazie ad un carico più delicato sull'articolazione delle anche, è possibile percorrere tragitti più lunghi senza provare dolore.

Il materiale in poliuretano espanso elastico e morbido funge da "zona di assorbimento", riducendo notevolmente l'impatto delle articolazioni sul suolo durante la camminata o la corsa.

Muoversi sarà di nuovo piacevole e i disturbi alle anche diminuiscono già dopo pochi minuti. Per coloro preferiscono muoversi molto, sarà più facile perdere chili in eccesso, caricando meno le articolazioni. Inoltre, quasi tutti i clienti affetti da artrosi riferiscono di miglioramenti da quando utilizzano le kyBoot.

Si comincia con la scarpa di tutti i giorni

Fig3: articolazione del piede bloccata dalle scarpe, i colpi non vengono scaricati né attutiti, al contatto dei talloni il ginocchio è molto piegato e quindi caricato in modo errato.

Dopo 6 settimane con le kyBoot:

Fig4: articolazione del piede libera, movimento naturale fisiologico e ginocchio disteso --> Carico e rischio di artrosi minimi

non è solo l'effetto ammortizzante ad alleviare i dolori. Stando in piedi sul supporto morbido ed elastico è anche facile rimanere automaticamente in movimento. Stando in piedi e camminando su questi materiali morbidi ed elastici la muscolatura profonda stabilizzatrice deve contribuire in modo considerevole alla stabilità delle articolazioni. La presenza di una muscolatura profonda stabilizzatrice forte permette di mantenere una postura eretta e, di conseguenza, di fare eseguire alle articolazioni movimenti più precisi. A lungo termine, la mancanza di movimento dovuta ai dolori comporta atrofia muscolare. Per questo motivo, possono verificarsi più velocemente fenomeni dovuti al sovraccarico dell'articolazione dell'anca. L'allenamento propriocettivo, sensomotorio e coordinante su superficie instabile consente una migliore stabilizzazione delle articolazioni nelle situazioni di sovraccarico e, in questo modo, si contrasta l'avanzare dell'artrosi. Indossando le kyBoot, l'allenamento della muscolatura profonda stabilizzatrice viene facilmente integrato nella quotidianità.

Attenzione! Effetti a breve termine vengono spesso scambiati con effetti di lunga durata.

I processi di adattamento del corpo scaturiti dalle kyBoot possono richiedere mesi o persino anni. Raggiungere un cambiamento persistente può essere un processo lungo.

L'effetto del materiale morbido ed elastico può manifestarsi anche in breve tempo, per esempio sciogliendo la tensione muscolare o riducendo il decubito. Tuttavia, questi effetti a breve termine non devono essere scambiati con gli effetti persistenti, poiché in una sola settimana il processo di adeguamento a lungo termine non può essere così avanzato tanto da risultare percettibile.

Gli effetti di breve durata, al contrario, possono svanire con la stessa rapidità con cui si sono presentati nonché tramutarsi in disturbi, nel caso in cui inizialmente non si effettuino le dovute pause.

È dunque importante comprendere che il manifestarsi di una reazione collaterale e la diminuzione dellasensazione positiva nelle prime settimane di utilizzo delle kyBoot non significa che queste non sortiscono più alcun effetto, bensì che la breve sensazione di benessere è destinata a diminuire!

Prevenzione con kybun

Tutti sappiamo che il corpo, con il tempo, presenta segni di logoramento e che, prima poi, si presenteranno problemi e disturbi nel camminare o nel correre. Solo al manifestarsi dei disturbi, la maggior parte delle persone inizia consapevolmente a percepire il corpo come una costruzione fragile ed effimera. Nella gran parte dei casi, è già tuttavia troppo tardi e si sono già verificati danni irreversibili alle articolazioni e l'erosione della cartilagine.

È dunque importante intervenire non soltanto al manifestarsi o all'aumentare dei dolori: il kyBounder e le kyBoot consentono infatti anche ai giovani di preservare le articolazioni e, così, di prevenire problemi di artrosi.

Reazioni iniziali

Per informazioni sulle tipiche reazioni iniziali per gli utenti che utilizzano per la prima volta il kyBounder e le kyBoot cliccare su questo link: Reazioni iniziali

Esercizi kybun

Per informazioni sugli esercizi speciali delle kyBoot e gli esercizi basilari da eseguire sul kyBounder cliccare qui: Esercizi kybun

In caso di artrosi dell'anca è fondamentale applicare all'esecuzione standard dell'Intervall Walking le seguenti modifiche :

  1. entrambi gli esercizi sono importanti
  2. Nel caso in cui si avvertano dolori durante l'esercizio rapido, fare piccoli passi e procedere con frequenza più elevata
  3. Gli esercizi lenti aiutano la muscolatura stabilizzatrice a rinforzare di nuovo l'articolazione dell'anca
  4. I movimenti distensivi aiutano a rilassare i muscoli tesi delle anche

Consigli per l'uso

  • Postura eretta
  • evitare passi troppo lunghi
  • Quotidianità/tempo libero: camminare con le kyBoot o utilizzare il kyBounder quanto più possibile. Tenere sotto controllo l'affaticamento: eseguire regolarmente gli esercizi kybun, concedendosi una breve pausa laddove necessario.
  • Lavoro: stare seduti il meno possibile. All'inizio, alternare lo stare in piedi e lo stare seduti, tenere a portata di mano un paio di scarpe di ricambio
  • Qualora dopo la prima prova con le kyBoot fosse avvertita una sensazione di insicurezza o di barcollio, si raccomanda l'acquisto di un modello di 2ª generazione. Tali modelli dispongono, a livello del metatarso, di una suola leggermente più larga per una maggiore stabilità. Richiedete la consulenza di un esperto kyBoot.
  • Qualora la sensazione di instabilità persistesse anche con l'uso di un modello kyBoot di 2ª generazione, si raccomanda l'uso del kyBounder. Lo spessore del tappeto può essere scelto in base alle proprie esigenze (quanto più il tappeto è spesso, tanto più instabile e intensivo risulta l'allenamento). In alternativa, è possibile sorreggersi a un oggetto fisso, utile soprattutto nella fase iniziale dopo l'operazione, fintanto che non si riacquista fiducia nelle proprie anche.
  • In presenza di artrosi dell'anca è indispensabile eseguire movimenti precisi. Accertarsi di compierli in modo corretto ed effettuare una pausa in caso di affaticamento o debolezza. È necessario correggere l'eventuale tendenza a un'inclinazione laterale del piede sul materiale morbido ed elastico, affinché il piede, il ginocchio nonché le anche vengano caricati correttamente rispetto all'asse corporeo. Ulteriori informazioni sono disponibili nella sezione "Inclinazione laterale".
  • Rivolgersi al proprio rivenditore kybun di fiducia per ulteriori domande o qualora non si notasse alcun miglioramento, a livello di insicurezza e dolori nell'utilizzo delle kyBoot, anche previa applicazione dei nostri suggerimenti.

Opinioni/Cosa dicono i clienti

Non avrei mai pensato di poter arrivare a così tanto e per di più solo grazie a delle scarpe. Soprattutto che si potesse raggiungere un miglioramento tale della qualità della vita. Tutto merito di un paio di scarpe, io non ho dovuto far altro che indossarle in modo del tutto normale, come tutte le altre scarpe, e camminare. Come ho già detto, per me questo è quasi un miracolo.

Notizie/Studi

nessuna news in questa lista.

Esperienze/Ulteriori domande sull'artrosi dell'anca

No FAQ's found.

Torna sù